Cosa trattiamo

Migliorare la vita
del tuo animale

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit. Unde ut optio laboriosam vitae ratione iure blanditiis ipsa harum delectus praesentium soluta autem, repellat voluptatem illum libero earum tempore eius nemo!

Fisiatria e fisioterapia veterinaria

La fisioterapia veterinaria si differenzia da quella umana sia per le esigenze di vita dell’animale, sia per la struttura anatomica degli stessi, sia per la possibilità di comunicazione unicamente non-verbale. Il paziente è generalmente affetto da patologie ortopediche articolari traumatiche o degenerative o da patologie neurologiche. La fisioterapia è un valido aiuto nel periodo post-operatorio o, a volte, durante tutta la vita dell’animale. In alcuni casi è l’unica opzione terapeutica possibile. In caso di impossibilità di completa guarigione, facilita il controllo del dolore e il miglioramento della qualità della vita di paziente e proprietario.

Le Patologie generalmente trattate con la fisioterapia sono:

  • Traumi muscolari, tendinei ed articolari di lieve entità
  • Osteoartrosi
  • Sindrome del cucciolo nuotatore
  • Mielopatia ischemica
  • Mielopatia degenerativa
  • Poliradicoloneurite
  • Traumi al nervo periferico

Riabilitazione motoria

La riabilitazione motoria consente di migliorare la sintomatologia clinica con un possibile ritorno alla normalità e di prevenire o minimizzare l’atrofia muscolare e i problemi da disuso di cartilagini, ossa, tendini e legamenti. Permette inoltre di alleviare il dolore, ridurre l’infiammazione, favorire la riparazione dei tessuti, e prevenire le alterazioni dovute all’immobilizzazione articolare e muscolare. La ripresa della corretta deambulazione è l’obiettivo finale del trattamento fisiatrico: si ottiene mediante il recupero del tono e della massa muscolare, il ripristino dell’escursione articolare, il miglioramento della coordinazione e dell’equilibrio e la correzione degli atteggiamenti posturali errati.

Le Patologie generalmente trattate con la riabilitazione nel periodo post – operatorio sono:

  • Displasia dell’anca
  • Displasia del gomito
  • Osteocondrite dissecante
  • Fratture, lussazioni
  • Pseudoartrosi
  • Malconsolidamento osseo
  • Deviazioni assiali e deformità
  • Estrusione discale
  • Protrusione discale
  • Instabilità lombosacrale (Sindrome della cauda equina)
  • Instabilità cervicale caudale (Sindrome di Wobbler)

Per cosa è consigliata la fisioterapia

Gli interventi chirurgici per cui generalmente viene consigliata la fisioterapia sono:

Ginocchio

  • Stabilizzazione extracapsulare
  • TPLO (osteotomia livellante del plateau tibiale)
  • TWO (Osteotomia a cuneo)
  • TTA
  • Trasposizione della cresta tibiale e solcoplastica trocleare
  • Artrodesi
  • Osteotomie correttive

Colonna vertebrale

  • Emilaminectomie
  • Stabilizzazioni vertebrali

Anca

  • Protesi d’anca
  • DPO e TPO (Duplice/triplice osteotomia pelvica)
  • DAR Artroplastica (artroplastica del bordo aceta bolare dorsale)
  • Ostectomia della testa del femore (artroplastica escissionale)
  • Suture stabilizzanti

Gomito

  • Artroscopia/ artrotomia
  • Osteotomie correttive
  • Artrodesi
  • Protesi totale parziale di gomito

Spalla

  • Tenotomia/fissazione del tendine del bicipite
  • Tenotomia dell’infraspinato
  • Artrscopia / artrotomia
  • Artrodesi

Carpo / Tarso

  • Artrotomia
  • Artrodesi

Arti

  • Stabilizzazione di fratture e lussazioni